04 ottobre 2014

ISIS: l’Iraq sdrammatizza con una commedia in TV

commedia TV sull'ISIS in Iraq

Non avere paura dello Stato Islamico (o ISIS - Islamic State of Iraq and Syria), prendilo in giro invece”. Questo è il messaggio di una nuova sitcom irachena appena andata in onda in TV e che ha subito avuto un grande successo, specialmente online.

Dawlat al-Khurafa (Stato Immaginario) è una nuova serie TV che ridicolizza il gruppo jihadista, raffigurando uno stato disfunzionale governato dai militanti dell’ISIS.

Abbiamo vietato le sigarette e sfollato i cristiani; abbiamo vietato il sesso extraconiugale, tranne che con i combattenti jihadisti” cantano i militanti barbuti mentre brandiscono le loro armi attorno al leader Abu Bakr al-Baghdadi, che li dirige sventolando delle fruste di cuoio. Alla fine di ogni ritornello, invitano il ‘boia’ ad unirsi alla loro festa.

Ovviamente è una scena molto diversa rispetto ai video inquietanti che lo Stato Islamico ha diffuso online di recente, in cui il boia e i militanti facevano ben altro. Ma l’autore dei 30 episodi della serie, Thaer al-Hasnawi, sostiene che l’umore è l’unico modo per ridurre la paura inflitta al popolo iracheno e per contrastare la guerra sull’informazione che l’ISIS sta vincendo sui social media.



Migliaia di utenti online hanno commentato e condiviso i video su Internet, la maggior parte divertita dalle battute degli attori. Ma la serie TV cerca anche di sfidare alcune delle interpretazioni estremiste da parte dei jihadisti sull’Islam sunnita, e qui qualcuno se l’è presa. Infatti, alcuni sunniti vedono lo show televisivo come un attacco contro di loro da parte della maggioranza shiita. Ma Hasnawi insiste sul fatto che non cerca di offendere i sunniti. Infatti, un suo protagonista è un sunnita moderato a cui gli altri personaggi si rivolgono per consigli e assistenza, proprio per enfatizzare che l’ISIS non rappresenta la maggior parte dei sunniti.

Non si tratta comunque della prima parodia irachena per quanto riguarda l’ISIS. Infatti, Dawlat al-Khurafa si aggiunge a Dashawi, una serie di cartoni animati andata in onda poco tempo fa, che ridicolizza l’interpretazione dell’Islam da parte dei jihadisti.


Nessun commento:

Posta un commento